Prevenire la diarrea dei viaggiatori: Suggerimenti

Regola di ferro: „Cook it, peel it or forget it“

Questa regola per prevenire la diarrea dei viaggiatori è tanto semplice quanto efficace: cuocere, sbucciare o rinunciare. Ossia: se l'alimento non può essere cotto o sbucciato non deve essere mangiato.

Ciò si applica a: :

  • Frutta non sbucciata
  • Insalata
  • Carne / molluschi non completamente cotti
  • Pesce crudo

Fare attenzione nella scelta delle bevande

L'acqua del rubinetto, in determinate zone di vacanza, può essere inquinata con germi patogeni, perciò è necessario fare attenzione. Si dovrà bere solo acqua contenuta nella confezione originale o bollita.

Nei drink è meglio rinunciare ai cubetti di ghiaccio.

Suggerimento extra: Anche per lavarsi i denti si può usare senza problemi l'acqua in bottiglia.

Bioflorin® – Prevenire e trattare la diarrea dei viaggiatori

Bioflorin® è una protezione biologica della flora intestinale ed è un prodotto rinomato per il trattamento e la prevenzione della diarrea dei viaggiatori. Grazie ai suoi batteri intestinali biologici (Enterococcus faecium SF68®), Bioflorin® elimina i germi patogeni e ne impedisce l'adesione alla mucosa intestinale. Il migliore presupposto per mantenere stabile il delicato equilibrio della flora intestinale e per non dare nessuna possibilità alla diarrea dei viaggiatori.

E in più: Grazie alla buona tollerabilità, Bioflorin® è adatto per tutta la famiglia, anche per i neonati. Per la prevenzione della diarrea dei viaggiatori si consiglia l'assunzione giornaliera di 2 capsule.

Bioflorin® può essere acquistato senza ricetta in farmacia e drogheria.

Qui potrà trovare altre informazioni su Bioflorin®.

Evitare potenziali fonti di Salmonella

Le Salmonelle si moltiplicano a temperature superiori a 10 gradi. Se in un clima estivo, determinati alimenti non vengono conservati in frigorifero o se la catena del freddo viene interrotta troppo a lungo, aumenta il rischio di infezioni.

Gli alimenti da consumare con precauzione sono piatti a base di uova crude (ad es. tiramisù), maionese o gelati.

Ma anche la carne cotta può contenere Salmonelle, infatti, queste muoiono solo a temperature superiori a 70 gradi.

Ascolti il suo istinto

Il nostro istinto, in genere, è un buon consigliere, soprattutto quando si tratta di alimenti. Quindi durante i viaggi ascolti anche il suo istinto: quali alimenti mi invogliano? Quali alimenti non mi invogliano?

Fondamentalmente, mangi solo ciò che la invoglia veramente.

Vaccinazione antitifica per determinate mete di viaggio

I patogeni del tifo (Salmonella typhi) vengono trasmessi con gli alimenti e l'acqua contaminati da materiale fecale. Soprattutto nei viaggi in zone a rischio (Nordafrica, India) si consiglia la vaccinazione antitifica. Soprattutto, se non si soggiorna in albergo, viaggiando magari con lo zaino in spalla.

È molto importante vaccinarsi per tempo prima di iniziare il viaggio, ossia al massimo 10-14 giorni prima di intraprendere il viaggio.

Chieda consiglio al suo medico di base o consulti il più vicino istituto per le malattie tropicali.